Messaggio

torna alla home

1848. L'Italia insorge

In Europa divampa la rivoluzione, in Italia Ferdinando II, Leopoldo II, Pio IX e Carlo Alberto concedono costituzioni liberali sotto la pressione della rivoluzione scoppiata a Palermo. A Milano e a Venezia esplode la ribellione popolare contro gli austriaci. Dopo la sconfitta delle truppe di Radetzky, l’esercito piemontese invade la Lombardia, con l’obiettivo di liberare dall’Austria tutta l’Italia settentrionale ma anche per evitare che si formino governi repubblicani. Pure gli altri sovrani italiani sono costretti a inviare le loro truppe nella Prima guerra d’indipendenza, salvo poi fare retromarcia. Pio IX si dissocia dalla guerra e Ferdinando II pone fine con la repressione al 1848 napoletano. I piemontesi vengono battuti a Custoza e si ritirano. Milano torna agli austriaci.