Messaggio

torna alla home

1857. La spedizione di Sapri e la Società nazionale

I successi internazionali e il credito che inizia a circondare il Piemonte cavouriano mettono sempre più in crisi democratici e repubblicani, divisi e incerti. Ulteriore discredito cade su Mazzini a causa del fallimento di un moto insurrezionale a Genova, congiunto con il disastro della spedizione organizzata da Carlo Pisacane, che muore a Sapri tentando di sollevare la popolazione locale contro i Borbone. A Torino viene fondata la Società nazionale che diventa il punto di riferimento dei democratici che accettano di collaborare con il Piemonte per unire l’Italia e liberarla dall’assolutismo.